Bonus cultura per i diciottenni

Bonus cultura per i diciottenni
20/04/2020 Giovanna Zago

Bonus “cultura” per diciottenni

Attiva la procedura anche per i ragazzi/e nati nel 2001

Cos’è il Bonus Cultura?

È un’iniziativa dedicata a promuovere la cultura fra i giovani. Il contributo è destinato a chi ha compiuto 18 anni nel 2019 e permette di ottenere 500€ da spendere in cinema, musica e concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, prodotti dell’editoria audiovisiva, corsi dimusica, di teatro o di lingua straniera.

I ragazzi hanno tempo fino al 31 agosto 2020 per registrarsi all’iniziativa e fino al 28 febbraio 2021 per spendere il Bonus.

Cos’è 18app?

18app è un’applicazione web, raggiungibile su www.18app.italia.it, che permette di gestire il Bonus Cultura.

L’app18 consente:

  • agli esercenti di registrarsi al servizio ed offrire la vendita dei beni previsti dalla normativa ai diciottenni;
  • ai diciottenni di generare i buoni per l’acquisto dei beni offerti dagli esercenti registrati al servizio.

Cos’è SPID?
SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è l’identità digitale composta da credenziali (nome utente e password) che si può richiedere dal giorno del tuo diciottesimo compleanno e che dovrà essere utilizzata per accedere a 18app.

Le credenziali SPID sono necessarie per accedere e utilizzare il Bonus cultura in tutta sicurezza.

Documenti necessari:

  • documento di identità valido (carta di identità o passaporto)
  • codice fiscale
  • indirizzo e-mail e numero di telefono cellulare

Per attivare la SPID puoi rivolgerti alla referente Antonia Zanin di Cna Asolo.

 

Le imprese, esercizi commerciali, gli istituti, i parchi naturali e tutte le strutture che svolgono attività culturali e di spettacolo  che desiderano aderire all’iniziativa, devono iscriversi sulla piattaforma dedicata www.18app.italia.it (sezione esercenti).

Dovranno indicare i seguenti dati:

  • partita IVA;
  • codice ATECO;
  • denominazione e luoghi di esercizio dell’attività;
  • tipologia di beni/servizi;
  • dichiarazione che i buoni spesa saranno accettati esclusivamente per i predetti acquisti.

L’esercente, a seguito dell’accettazione del buono spesa al momento dell’acquisto, si vedrà riconoscere un credito di pari importo. Per ottenere l’incasso, dovrà emettere fattura elettronica  alla CONSAP che provvederà a liquidare gli importi.