Bonus baby-sitting e centri estivi

Bonus baby-sitting e centri estivi
29 Giugno 2020 Giovanna Zago

Bonus baby-sitting e centri estivi

In conseguenza dei provvedimenti di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine, il “decreto Cura Italia” aveva previsto uno specifico congedo parentale per un periodo continuativo o frazionato.

Il congedo, per figli di età fino ai 12 anni, non doveva superare complessivamente 15 giorni e potevano fruirne i genitori alternativamente fra loro. In alternativa, era prevista la possibilità di richiedere un bonus di 600,00€ per l’acquisto di servizi di baby-sitting.

Dal 19 maggio 2020, il “Decreto Rilancio” ha prorogato di ulteriori 15 gg il congedo straordinario e ha ampliato a 1200,00 il bonus baby-sitting.

In alternativa al bonus baby-sitting è stato introdotto il bonus per la comprovata iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia, usufruibile nel periodo della chiusura dei servizi educativi scolastici.

 

Per il settore sanitario, comparto sicurezza, difese e soccorso pubblico il bonus è pari a 2000,00.

Il periodo di fruizione del congedo straordinario, baby sitting o centri estivi va dal 05 marzo al 31 luglio 2020.

Il bonus per servizi di baby-sitting e quello per l’iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia sono rivolti alle seguenti categorie di lavoratori:

  • dipendenti del settore privato;
  • iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata;
  • autonomi iscritti all’INPS;
  • autonomi iscritti alle casse professionali.

Il bonus baby-sitting spetta anche ai lavoratori dipendenti del settore sanitario pubblico e privato accreditato, appartenenti alle seguenti categorie: medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico e di radiologia medica, operatori sociosanitari.

 

Inoltre spetta anche al personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

In presenza di più figli di età inferiore a 12 anni, il bonus può essere richiesto anche per tutti i figli, ma in misura complessivamente non superiore a 1.200 euro per il nucleo familiare.

Il beneficio spetta anche ai genitori affidatari.

Il limite di età di 12 anni non si applica ai figli con disabilità in situazione di gravità accertata Legge 104).

Le domande dei bonus baby-sitting (sia come utilizzatore che prestatore di servizi)e per i centri estivi possono essere presentate direttamente on-line dal sito dell’inps.

In alternativa potete rivolgervi alla collega Ombretta Artuso, referente Patronato-Epasa Itaco.