Voucher internazionalizzazione

Voucher internazionalizzazione
3 novembre 2017 Giovanna Zago

Voucher

Internazionalizzazione

 

Investire nei mercati esteri con il supporto di un Tempory Export Manager

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 26 milioni di euro in voucher per l’internazionalizzazione che vanno a sostegno delle PMI che intendono investire all’estero.

L’incentivo è dedicato alle imprese del settore Artigiano, Commercio e Turismo, Industria e Servizi, che vogliono avvalersi di una figura specializzata (Temporary Export Manager), in grado di studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri.

Requisiti delle PMI per presentare la domanda:
essere in stato di attività e risultare iscritte al Registro delle imprese;
• risultare in regola con il versamento dei contributi previdenziali;
• avere conseguito un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a € 500.000, con riferimento all’ultimo esercizio contabile chiuso; il possesso di tale requisito non è richiesto per le start-up innovative;
non essere destinatarie di sanzioni interdittive.

Sono ammissibili le spese relative ai servizi di affiancamento all’internazionalizzazione: attività di analisi e ricerche di mercato, di individuazione e acquisizione di nuovi clienti, di assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale e di trasferimento di competenze specialistiche in materia di internazionalizzazione.

L’impresa interessata a stipulare un contratto per l’impiego di un TEM deve rivolgersi ad una Società fornitrice dei servizi accreditata.

Tipologia di voucher

  • Voucher “early stage”:
    Voucher di importo pari a 10.000 € a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 13.000 € al netto di IVA, per una durata minima di 6 mesi.
    Il voucher è pari a 8.000 € per i soggetti già beneficiari del precedente bando.
  • Voucher “advanced stage”:
    Voucher di importo pari a 15.000 € a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 25.000 € al netto di IVA, per una durata minima di 12 mesi.

È prevista la possibilità di ottenere un contributo aggiuntivo pari a ulteriori € 15.000 a fronte del raggiungimento dei seguenti obiettivi in termini di volumi di vendita all’estero:
• incremento del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri registrato nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, rispetto al volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri conseguito nel 2017, deve essere almeno pari al 15%;
• incidenza percentuale del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri sul totale del volume d’affari, nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, deve essere almeno pari al 6%.

Le imprese potranno presentare la domanda in via telematica a partire dalle ore 10:00 del giorno 28 novembre 2017 e fino alle ore 17.00 del 1° dicembre 2017.

Il Ministero procederà all’assegnazione dei voucher secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande e nei limiti delle risorse disponibili.