Incentivo alternanza scuola-lavoro

Incentivo alternanza scuola-lavoro
7 agosto 2017 Giovanna Zago

Incentivo alternanza scuola – lavoro

Esonero dai contributi previdenziali per le assunzioni di studenti…

L’incentivo alternanza scuola – lavoro spetta a chi intende assumere o ha assunto  a tempo indeterminato, studenti “neo-diplomati” con i quali abbiano già svolto in precedenza un’esperienza lavorativa di:

– percorsi di alternanza scuola – lavoro, in misura almeno del 30%;

– periodi in apprendistato di primo o terzo livello.

I giovani devono essere in possesso di titolo di studio conseguito da non oltre sei mesi.

Tipologie di contratti di lavoro incentivabili:
– tempo indeterminato (a tempo pieno e parziale) compreso l’apprendistato;
– rapporti di lavoro subordinati a tempo indeterminato instaurati con una cooperativa di lavoro;

– assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione;
– trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine.

L’incentivo  ha durata triennale a decorre dalla data di assunzione del lavoratore che deve avvenire nel periodo 1/1/2017 –  31/12/2018.

Usufruendo dell’incentivo alternanza scuola – lavoro, il datore di lavoro riceverà l’esonero dai contributi previdenziali a suo carico, fino al limite massimo di Euro 3.250,00 annui.
Sono esclusi i premi e i contributi INAIL.

Sono escluse le assunzioni con contratto di lavoro domestico, intermittente o a chiamata e di operai agricoli.

Non può usufruirne chi rientra in altre tipologie di agevolazioni di tipo contributivo come ad esempio le assunzione over 50 disoccupati e donne privi di impiego regolarmente retribuito, l’incentivo Occupazione Sud o Occupazione Giovani.

E’ cumulabile invece con gli incentivi di natura economica: assunzione dei disabili, assunzione di beneficiari di NASpI.

L’incentivo alternanza scuola – lavoro è escluso dal regime “de minimis” e dal calcolo ULA per la determinazione dell’incremento occupazionale netto.

I datori di lavoro interessati all’incentivo sono tenuti ad inviare la domanda tramite DiResCo, applicazione dal sito dell’INPS.