Nuove regole per la detrazione IVA

Nuove regole per la detrazione IVA
4 ottobre 2017 Giovanna Zago

Nuove regole per la detrazione IVA

Abbreviati i termini per esercitare il “diritto alla detrazione” dell’imposta

Con l’entrata in vigore del D.L. 50/2017 (cd. Manovra correttiva) cambiano le regole sulla detrazione dell’Iva e sui termini di registrazione delle fatture di acquisto.

Il diritto alla detrazione dell’imposta assolta sugli acquisti o sulle importazioni può essere esercitato al più tardi con la dichiarazione annuale Iva relativa all’anno in cui lo stesso è sorto.

Ad esempio, un acquisto di beni effettuato nel corso del 2017,  la detrazione dell’iva potrà essere esercitata entro il termine del 30 aprile 2018 (termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa al 2017).

Rimangono invece invariate le condizioni di detraibilità.

I motivi della riduzione del termine concesso per la detrazione dell’Iva trovano giustificazione nell’intento di:

  • armonizzare le tempistiche della detrazione con l’obbligo di invio della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute e della comunicazione dei dati contabili delle liquidazioni periodiche;
  • creare maggiore coerenza con il nuovo regime per cassa, riducendo la discrezionalità nell’imputazione dei costi e con la normativa comunitaria.

 

Il nuovo termine breve per la detrazione dell’Iva e per la registrazione delle fatture di acquisto si applica  a partire dalle fatture emesse e ricevute quest’anno (2017).

Le fatture emesse nel 2015 e nel 2016, non registrate, seguono la vecchia disciplina, pertanto si può continuare a detrarre l’IVA entro la dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto.

Si segnala la necessità di recuperare tempestivamente le fatture di acquisto, soprattutto a fine anno, per evitare di perdere la possibilità di detrarre correttamente l’IVA.