Bonus Mobili

Bonus Mobili
11 novembre 2016 Giovanna Zago

Bonus Mobili

Chiarimenti sulle modalità di pagamento e documenti da conservare

I contribuenti che fruiscono della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio possono fruire di un’ulteriore riduzione d’imposta per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+.

La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo e spetta sulle spese sostenute fino al 31 dicembre 2016 (salvo proroghe) ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro.

Coloro che intendono avvalersi del bonus mobili possono effettuare i pagamenti

tramite bonifico bancario o postale, indicando:
– il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
-il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Come precisato nella circolare n. 7/2016, se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, solo per il bonus mobili non è più necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a. per le spese di ristrutturazione edilizia.

Per esigenze di semplificazione legate alle tipologie di beni acquistabili,

è consentito effettuare il pagamento degli acquisti di mobili o di grandi elettrodomestici anche mediante carte di credito o carte di debito. In questo caso, è necessario conservare la ricevuta telematica di avvenuta transazione. Non è consentito, invece, effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento

I documenti da conservare sono:
– attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente);
-fatture di acquisto riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.